RICORDO DI OTTAVIANO AUGUSTO

Augusto

HODIE DUOMILLESIMUM ANNIVERSARIUM TRANSITUS ATQUE AD IMMORTALEM VITAM EXITUS C.J. OCTAVIANI FELICIS IMPERATORIS AUGUSTI! QUOD BONUM FAUSTUMQUE IN HOC DIE OMNIBUS HOMINIBUS RECTE VOLUNTATIS SIT!
CAJUS JULIUS CAESAR OCTAVIANUS, FELICISSIMUS IMPERATOR AUGUSTUS, VIR SAPIENTISSIMUS, IN MYSTERIIS INITIATUS ATQUE EPOPTA, CORDIS AMPLISSIMUS, PATER PATRIAE, AUCTOR PACIS, RESTITUTOR PIETATIS, REPARATOR JURIS AC JUSTICIAE, VIR NOBILISSIMUS CUI NULLUM ELOGIUM NUNQUAM PAR ERIT!

Oggi è il duemillesimo anniversario del giorno nel quale Caio Giulio Cesare Ottaviano, Augusto Imperatore, a Nola, in Campania, abbandonò lo scenario del Teatro del Mondo. Egli fu uomo sapientissimo, di cuore ampio e generosissimo, fautore di pace, restauratore dell’originaria pietas romana, Iniziato ed Epopta, restauratore dello jus, ossia del Diritto e della Giustizia, del mos, del fas, ovvero del sobrio e retto antico costume romano, Padre e Salvatore della Patria in un’epoca di dilanianti discordie civili e di depravazione morale proveniente dalla decadente dissolutezza orientale.

Massimo Scaligero amava ricordare le ultime parole dette da Augusto poco prima di morire, con le quali chiese a Livia, sua sposa, di ricordarsi del loro amore, e agli amici presenti se egli avesse ben recitato sul palcoscenico dell’illusorio Teatro del Mondo. Massimo affermò come tali poche e scarne parole, dette in un momento per lui così solenne ed estremo, rivelino la sua altezza di Iniziato.

A lui va il mio commosso pensiero e deferente pensiero.

3 pensieri su “RICORDO DI OTTAVIANO AUGUSTO

  1. Certo che voi sapientissimi, e voi che avete conosciuto tante e tali personalita’….. ricoprite una bella responsabilita’…….. io reietta fui e nessuno conobbi….. percio’ spesso posso dire….non e’ colpa mia, colpa mia non fu! :)

Lascia un commento