RIGENERAZIONE ETERICA CHE ANNIENTI I GIACOBINI

SOLEROSACROCE    GIU 2013 FK 077(1)

RIGENERAZIONE ETERICA CHE ANNIENTI I GIACOBINI

AUREO RISORGERE

__________________

CUPE CEREBRALITA’ D’ABISSO.
ESPRIMONO CON FORZA OPACA BANALISSIME CONVINZIONI
RESE POTENTI DALL’ISTERICA RABBIA CON CUI LE SOSTENGONO.

RIVOLUZIONE FRANCESE E RIVOLUZIONE D’OTTOBRE :
IDENTICA RABBIA PER IDENTICI SCOPI :
OTTENERE L’ABISSO E DISTRUGGERE IL BENE.

ODIO FEROCE CHE SOSTENNE OGNI FUTILE CREDO.

IL BESTEMMIARE ILLUMINISTICO SI GENERO’ NEL FANGO
E SPARSE NELL’ARIA ANIMICA IL CRETINISMO ODIANTE.

AVENDO PERSO FEDELTA’ AI CIELI
MISERO AL SERVIZIO DEGLI INFERNI LA RAGIONE.

ED IL LORO DISCETTARE SUI LUMI INTELLETTIVI
FU UN RAGIONARE IMMERSO NEL PANTANO DEL DISGUSTO ANTISOLARE.

FURONO OSSESSI E ISTERICI NELL’ODIARE COLORO CHE DORMINAVO NEL BENE.
COSI’ NUTRIRONO DI SANGUE LE NUOVE SCHIERE DI DEMONI INCARNATI.

FURONO DESTI I GIACOBINI NEL FORMULARE CONCETTI “ILLUMINATI”
FRA LE CONSERTE BRACCIA DEL DEMONIO ISPIRATORE CHE RINGHIAVA.

DESTI E REPELLENTI NELLA RAZIONALITA’ CHE SI SVEGLIAVA FRA I SERPENTI.
GRONDA DI SANGUE INNOCENTE LA STRAGE DEI BAMBINI DI VANDEA.

MENTRE SATANA DANZA FRA GLI OSSESSI DEL DIRETTORIO INDEMONIATO.
LA GHIGLIOTTINA MIETE I SUOI SACRIFICI UMANI
CHE GUIDERANNO LA RAZIONALITA PEDANTE DEI SOVIETICI FUTURI ORRORI.

ROBESPIERRE INCITA MARX MENTRE IL RADICALE E’ IN ESTASI DA ABORTO.
TUTTA UNA CATENA DISCETTANTE DI FALSI IDEALI RAZIONALI
CONCEPITI DALL’INFERNO IN CUI LA RAGIONE DEI PEGGIORI ATTINGE.

EBBRI DI PRURIGINOSA GIUSTIZIA ERESSERO I FOLLI ALTARI DELLA NOTTE.
IN CUI LE RAZIONALITA’ ORMAI PRECIPITATE
POSSONO SOLO RIPETERE NEL SANGUE QUANTO NEL SANGUE GIA’ E’ STATO EDIFICATO.

EPPURE IL PENSIERO PUO’, ATTINGERE FRA GLI ANGELI REALI.
PUO’ INNALZARSI SINO ALL’INCORROTTO DA CUI SORGE.
PUO’ INDAGARE FRA I CIELI CHE ANNIENTANO GLI INFERNI.

L’ASCESI DEL PENSIERO PUO’ CONTEMPLARE LA FORZA DELLA PROPRIA FORMA.
PUO’ GIUNGERE A RESPIRARE OVE LA RAGIONE E’ GENERATA DALLE FOLGORI.
PUO’ REDIMERE IL PASSATO DISSOLVENDO I DEMONI CHE POPOLANO IL PRESENTE.

RETTIFICARE L’ATTIMO IN CUI SI GENERANO I PENSIERI E’ IL RITO SOLARE ATTESO.
E’ CONGIUNGERE AL DIVINO CIO’ CHE FRA I CONCETTI LAMPEGGIA NEL PENSARE.

E’ CONGIUNGERE ALLA REALTA’ SOVRUMANA QUEL LAMPEGGIANTE SILENZIO
CHE SCOCCA QUANDO UN CONCETTO VIENE COLLEGATO ALL’ALTRO.
QUANDO SI PENSA IMMERSI NEL PROPRIO CONCEPIRE LOGICO.

QUELLO CHE ACCADDE NEL PASSATO FRA GLI INFERNI
PUO’ ORA ACCADERE IN ALTO FRA GLI APICI DEI CIELI ETERICI IN CUI IL LOGOS DIVAMPA.

STUOLI DI VOLITIVE ANIMOSITA’ DEGLI INFERI EVOCATE NEI MILLENNI
PRECIPITARONO FRA I CIECHI RAGIONAMENTI ILLUMINISTICI
AVVIVANDOLI DI PREVENTIVE SENSIBILITA’ INDIRIZZATE AL MALE.

ORA E’ POSSIBILE NELL’ASCESI DEL PENSIERO REDIMERE QUEL MALE.

E’ POSSIBILE POPOLARE DI ENTI VOLITIVI DEL PURO SOLE ETERICO
LE FORZE CHE CIRCONDANO IL PENSARE MENTRE SI SVOLGE IN UOMO.

AZIONE DEL SOLE ETERICO CHE L’UOMO PUO’ SFIORARE VOLENDO NELL’IDEA.
AZIONE DEL LIBERO DECIDERE DI CONTEMPLARE UN INSIEME DI PENSIERI.
AZIONE DEL SOLITARIO ASCENDERE DAL CONCETTO ALLA FORZA CHE LO GENERA.

RUGGE LA POTESTA’ INAUDIBILE DELL’ANGELO CHE GUIDA AI CIELI.
ORO DELLA TEMPESTA SOVRUMANA
CHE ANNIENTA I DEMONI GENERATI RAZIOCINANDO NEL PALLORE GIACOBINO.

GERMOGLI DI ETERICHE DEITA’ RIPOPOLANO L’OLIMPO DEGLI EROI SOLARI.
PLASMANDO A NUOVO LA FUTURA STORIA DELLE GENTI CONSACRATE.

ALLORO ETERNO DAL BIANCO VISO DI VITTORIA.

E SUA IMPOSSIBILE VERITA’ REALIZZATA ARDENDO.

NELL’ETERE INCORROTTO DELL’IDEA.

 

 HELIOS FK AZIONE SOLARE

HELIOS-FUOCO-SOLARE-FK-18-OTT-2012-FK-004

 ______________________________________________________________

http://folgoperis.blogspot.com/

http://fuocoimmateriale.blogspot.com/

http://i-semi-delle-folgori.over-blog.it/

http://www.ecoantroposophia.it/2014/07/arte/fk-azione-solare/ascesi-del-pensiero/

8 pensieri su “RIGENERAZIONE ETERICA CHE ANNIENTI I GIACOBINI

  1. Cerco di non criticare mai un punto di visione, però suppongo che il dualismo bene/male sia un tantino poco idoneo per afferrare le cose. Spesso, anche se non sempre, il male può essere un camuffamento del bene e quello che antecedentemente sembra fosse ottimo poteva forse essere degenerato se non pessimo.
    Del resto non credo che il male sbocci da un pregresso bene in perfetta salute.

    Comunque Lavoisier, Chénier e Cazotte ringraziano!

  2. Carissimo Isidoro,
    come direbbe il Visconte di Lapalisse: “Per trovare la verità è necessario cercarla, a meno che non la si trovi per caso!”.
    Per trovare la Verità bisogna amarla, avere il coraggio di cercarla, la forza di lottare per trovarla!

    Hugo de’ Paganis

  3. Verità: ambigua parola: in questo mondo (in verità) le verità sono tante: mi pare che oggi siano all’incirca sette miliardi. E ognuna ha, a suo modo, l’opinabile diritto di esistere.
    Noi disgraziati & sfigati tendiamo talvolta alla Realtà… :)

    • Alcune opinioni hanno il concesso diritto di esistere. Altre, forse più veraci e documentate, ma meno “politically correct”, hanno meno diritto all’esprimibilità! Ma tant’è! Allora è meglio, e più savio, rinunciare all’opinare, e nel silenzio, annientando ogni opinare, tendere alla nuda esperienza della Verità. E poi continuare a tacere!

      Hugo de’ Paganis

  4. Cari amici, dalla modesta altezza che il mio volo mi consente di raggiungere, vorrei esprimere qualche pensiero, dal mio punto di vista, sul complesso concetto di Verità.
    Il primo pensiero mi dice che nella Verità gli uomini vogliono sentirsi una cosa sola, perché la verità, in quanto elemento universale, deve essere oggettiva per tutti, uguale per tutti, altrimenti non è verità. E dove possiamo trovare la verità? Nel concetto di ogni percezione che ci viene incontro!
    Steiner, nella sua “Filosofia della Libertà” chiama la Verità “monismo dei pensieri”, cioè l’insieme della parte concettuale della realtà, la luce che unita alla percezione dà appunto la realta della cosa percepita.
    Per questo intuiamo che verità e realtà sono così strettamente imparentate.
    In tedesco la parola “realtà” si dice Wahrnehmung (da Wahr= vero e nehmen=prendere,accogliere). Prendo la luce, accolgo il vero ogni volta che riconosco ciò che mi viene incontro.

  5. Va da sè che per le percezioni semplici come albero, ruscello o macchina, è facile trovare il relativo concetto (verità) e qui tutti siamo d’accordo.
    Il difficile viene quando le percezioni diventano animiche, spirituali, politiche, economiche ecc…ed il pensare, in buona o in cattiva fede, non vuole o non è all’altezza di cogliere i relativi concetti o verità e questo porta al caos….elementare, o no?

Lascia un commento